uno squaletto a rischio

Il gattuccio maggiore è nella “Lista Rossa”  delle specie a rischio d’estinzione dalla IUCN, l’Unione per la Conservazione della Natura. Nel Tirreno, ad esempio, è diminuito del 99% nelle “retate” scientifiche di campionamento degli ultimi 20 anni.

il gattuccio maggiore o gattopardo

Il gattuccio maggiore o gattopardo (Scyliorhinus stellaris) è una specie di squalo tipica dell’Atlantico e del Mediterraneo.

Vive di solito fra le rocce fra i 20 e i 60 metri di profondità lungo le coste italiane ma le popolazioni sono molto frammentate. Può raggiungere il metro e mezzo di lunghezza e ha una livrea marezzata di grandi macchie scure.

Si distingue dal gattuccio minore (Scyliorhinus canicula) per le dimensioni decisamente maggiori: mentre il piccolo sfiora al massimo gli 80 cm di lunghezza, il gattopardo può arrivare a un metro e mezzo.

Il gattuccio maggiore generalmente passa la giornata in piccoli anfratti nella roccia, per avventurarsi di notte in cerca di cibo: pesci, altri piccoli squali, crostacei, polpi e seppie. Dopo la fecondazione – che, come tutti gli squali, è interna – la femmina depone grandi uova (10-13 cm di lunghezza) e le assicura grazie a lunghi filamenti a gorgonie, spugne o qualunque altro oggetto in posizione sollevata dal fondo e battuta dalla corrente. I piccoli crescono nell’uovo nutrendosi del tuorlo e nascono dopo circa nove mesi a 10-15cm di lunghezza.

Conosciamo poco della biologia del gattuccio maggiore, ma le sue caratteristiche – di iniziare a riprodursi molto avanti con gli anni e di generare pochi piccoli – lo rendono intrinsecamente vulnerabile alla pesca intensiva.

Nel Tirreno, ad esempio, è diminuito del 99% nelle catture scientifiche degli ultimi 20 anni. La pesca intensiva, oltre che al deterioramento dell’habitat, sembrano i fattori responsabili del declino di questa specie in Mediterraneo, tanto che la IUCN, l’Unione per la Conservazione della Natura, ha espresso il timore che possa venire prossimamente inserito nella categoria “vulnerabile” delle specie a rischio estinzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...